sorridere

si deve sorridere.

sorridere, perchè si è superata la pasquetta senza che blocchi intestinali causati da inusitate porzioni di innocente agnello abbiano avuto la meglio. sorridere, perchè dopo un’ora che il parentame è riuscita a metterti un cappio sui coglioni citando una sequenza di malattie (alcune sconosciute anche al dottor House) che rendono meno noiosa la vita quotidiana di anziane zie e prozii, tu riesci comunque a dire: “Oh, sti cazzi. io ancora respiro”.

sarà forse una carie provocata dal cioccolato di una covata di galline di cioccolata il cui culo, sempre di cioccolato, ha sfornato tali delizie a disturbare l’umore? la prossima volta magari.

joy to the world

Annunci

2 comments

  1. A furia di sorridere ho un sorriso falso fisso, di quelli che provocano i vermi ai bambini.

    (Io rompo i coglioni in questa vita. E, più che romperli, li sfracello, li scartavetro, li polverizzo.)
    (Io aspetto sempre di mangiare il porcello nel coccio. Con calma, eh!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...